Partner Zucchetti
Rivenditore Apogeo
CERTIFICAZIONE UNICA 2017

QUADRO NORMATIVO ED ELENCO SINTETICO DELLE PIU' RILEVANTI NOVITA'

--- febbraio 2017 ---

carattere piu' piccolocarattere piu' grandestampa l'articoloapri il pdf

Con Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate numero 10044/2017 del 16/01/17 sono stati approvati i modelli e le istruzioni ministeriali per la compilazione del modello “Certificazione Unica - CU 2017” riferito alle corresponsioni avvenute nel corso dell’anno 2016 relativamente a:
  1. Redditi di lavoro dipendente equiparati ed assimilati
  2. Redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
  3. Contributi previdenziali e assistenziali
 
Le certificazioni riguardano tutti i redditi di lavoro dipendente, assimilati, autonomo e diversi, a prescindere dal fatto che abbiano o meno a che vedere con il 730 precompilato (ad esempio, redditi di lavoro autonomo o provvigioni corrisposte a soggetti titolari di partita IVA).

  Termini di presentazione e di consegna
Per il periodo d’imposta 2016, i sostituti d’imposta devono:
  1. Trasmettere entro il 7 marzo 2017 in via telematica all’Agenzia delle Entrate le certificazioni (trattasi di termine perentorio e formale, visto che viene certificato da un invio telematico).
  2. Rilasciare entro il 31 marzo 2017 ai singoli percipienti le certificazioni relative ai redditi di lavoro dipendente, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi (trattasi di un termine perentorio ma non formale). Il termine del 31 marzo e' stato previsto dal D.L. 193/2016 riguardante le “Disposizioni in materia di semplificazione fiscale”, il quale ha differito di un mese il precedente termine del 28 febbraio).

  Valenza dichiarativa della certificazione unica
L’art. 1 comma 952 della L. 208/15, oltre a ribadire che le certificazioni uniche devono essere trasmesse in via telematica all'Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo dell'anno successivo a quello cui esse si riferiscono, dispone che entro la stessa data debbano essere trasmessi gli ulteriori dati fiscali e contributivi e quelli necessari affinche' possano essere eseguite le attivita' di controllo poste in essere dall'Amministrazione finanziaria e dagli enti previdenziali e assicurativi.
 
Tali modifiche conferiscono alla stessa valenza dichiarativa e determinano che le stesse informazioni non debbano essere trasmesse nella dichiarazione 770/2017.
 
A tale proposito e' particolarmente significativo cio' che viene riportato nelle istruzioni ministeriali per la compilazione della dichiarazione 770/2017:
 
La dichiarazione dei sostituti d’imposta si compone di due parti, in relazione ai dati in ciascuna di esse richiesti: la CERTIFICAZIONE UNICA, il Mod. 770.
La CERTIFICAZIONE UNICA deve essere utilizzata dai sostituti d’imposta comprese le Amministrazioni dello Stato, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2016 nonche' gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti. Detta certificazione contiene i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui sono stati corrisposti in tale anno redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, indennita' di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonche' i dati contributivi, previdenziali ed assicurativi e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata nell’anno 2016 per il periodo d’imposta precedente. La trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate deve essere effettuata entro il 7 marzo 2017, presentando la Certificazione Unica 2017.
Il Mod. 770 deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, comprese le Amministrazioni dello Stato, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2016, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni effettuate nonche' il riepilogo dei crediti, nonche' gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti. Deve essere inoltre utilizzato dagli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni fiscalmente rilevanti, tenuti, sulla base di specifiche disposizioni normative, a comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno 2016 od operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni operate ed ai crediti d’imposta utilizzati. La trasmissione telematica deve essere effettuata entro il 31 luglio 2017.
 
Pertanto anche nel 2017 (con riferimento al 2016) vi e' l’obbligo di predisporre e presentare telematicamente il modello 770, il quale da quest’anno e' “unico” avendo accorpato i precedenti modelli 770 Semplificato e 770 Ordinario.
 
Al fine di evitare duplicazioni di adempimenti di dati da inviare all’Agenzia delle Entrate, lo stesso richiede esclusivamente l’indicazione dei dati relativi ai versamenti e alle compensazioni dei crediti (quadri ST, SV, SX, SY) e la compilazione dei quadri non attinenti la certificazione unica.

  Tipologia di modelli di certificazione unica
Al provvedimento di approvazione sono allegati due modelli di certificazione unica:
  1. Il modello da trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il termine del 7 marzo, trattato al punto 1.1 del provvedimento di approvazione della certificazione unica 2017 e contenente tutti i dati da dichiarare.
  2. Il modello da consegnare in duplice copia al percipiente entro il termine del 31 marzo, trattato alla lettera e) del punto 1.2 del provvedimento di approvazione della certificazione unica 2017 e contenente i soli dati utili alla predisposizione della dichiarazione dei redditi.

  Struttura del modello ministeriale
  1. Un solo Frontespizio, titolato “CERTIFICAZIONE UNICA 2017”, sempre presente, contenente:
    1. Le informazioni relativo al “Tipo di comunicazione” (ordinaria, annullamento o sostituzione).
    2. I dati anagrafici del sostituto.
    3. I dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione.
    4. I dati relativo all’impegno alla presentazione telematica.
  2. Un solo Quadro CT, contenente le informazioni necessarie per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4, esclusivamente nell’ipotesi in cui gli stessi non siano gia' stati forniti tramite l’apposito modello CSO (tale obbligo e' previsto dall’articolo 3, comma 2, dello schema di decreto).
  3. Tante Certificazioni Uniche, titolate anch’esse “CERTIFICAZIONE UNICA 2017”, quanti sono i percipienti ai quali sono stati corrisposti redditi interessati all’obbligo di certificazione.
     
    Ognuna di esse e' composta:
    1. Da una parte anagrafica (una facciata), sempre presente, in cui indicare i dati identificativi del percipiente.
    2. Da una parte relativa al Lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale (otto facciate), da compilare solo se al percipiente sono state erogate tali tipologie di redditi. Al proposito si ricorda che e' espressamente prevista la possibilita' di predisporre piu' moduli per ogni certificazione di lavoro dipendente.
    3. Da una parte relativa al Lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi (una facciata), da compilare solo se al percipiente sono state erogate tali tipologie di redditi. Come indicato nelle specifiche tecniche, anche questa parte puo' essere composta da piu' moduli. Tale condizione non si applica allorche' il sostituto abbia nell’anno erogato allo stesso percipiente piu' compensi riferiti a causali diverse. Infatti le istruzioni ministeriali (pag. 68) precisano quanto segue:
      In presenza di piu' compensi erogati allo stesso percipiente, il sostituto ha la facolta' di indicare i dati relativi secondo le seguenti modalita':
      1. totalizzare i vari importi e compilare un’unica certificazione qualora i compensi siano riferiti alla stessa causale;
      2. compilare tante certificazioni quanti sono i compensi erogati nell’anno avendo cura di numerare progressivamente le singole certificazioni riguardanti il medesimo percipiente.
     
    Ad ogni certificazione deve essere attribuito un progressivo certificazione, univoco per sostituto all’interno di un singolo file telematico. Purtroppo tale progressivo, previsto dalle specifiche tecniche per l’invio telematico e dichiarato come elemento obbligatorio, non e' presente sul modello ministeriale.

  Documentazione da consegnare ai percipienti
In presenza di soli redditi di lavoro dipendente, si potra' consegnare la certificazione unica composta da:
  1. Sezione dati anagrafici
  2. Dati fiscali (redditi, ritenute, acconti, oneri detraibili, detrazioni e crediti, previdenza complementare, oneri deducibili, compensi di anni precedenti, dati dei conguagli, ecc.).
  3. Prospetto dei familiari a carico
  4. Dati previdenziali e assistenziali
  5. Dati TFR riguardanti i redditi di lavoro dipendente.
 
Analogamente in presenza di soli redditi di lavoro autonomo, si potra' consegnare la certificazione unica composta da:
  1. Sezione dati anagrafici
  2. Dati fiscali e previdenziali relativi ai compensi erogati
  3. Somme liquidate a seguito di pignoramento presso terzi e somme corrisposte a titolo di indennita' di esproprio.

  Modalita' di adempimento dell’obbligo di comunicazione
Il sostituto d’imposta puo' adempiere all’obbligo di comunicazione:
  1. Effettuando un unico invio di tutte le certificazioni rilasciate.
  2. Effettuando invii separati (ad esempio, nel caso in cui le certificazioni di lavoro dipendente siano predisposte da un consulente del lavoro e le certificazioni di lavoro autonomo siano invece affidate al commercialista).
 
Se la trasmissione delle certificazioni viene effettuata da un intermediario, quest’ultimo puo' inviare in un unico file le comunicazioni relative a piu' sostituti d’imposta, con le modalita' di cui al punto precedente.

  Sanzioni
Per quanto concerne l’aspetto sanzionatorio, per ogni certificazione omessa, tardiva o errata si applica la sanzione di 100 euro, in deroga a quanto previsto dall’art. 12, del D.lgs. 472/1997.
 
Nei casi di errata trasmissione della certificazione, la sanzione non si applica se la trasmissione della corretta certificazione e' effettuata entro i 5 giorni successivi alla scadenza prevista del 7 marzo.


 
ELENCO SINTETICO DELLE PIU' RILEVANTI NOVITA'

 
Frontespizio
Nel riquadro “Tipo di comunicazione” si introduce la casella “Eventi eccezionali”, utilizzabile dai sostituti d’imposta che si avvalgono della sospensione del termine di presentazione della dichiarazione al verificarsi di determinati eventi eccezionali.

 
Dati anagrafici del sostituto d’imposta e i dati anagrafici del percipiente
Nel riquadro “Dati relativi al dipendente, pensionato ente pensionistico o altro percettore delle somme” si aggiunge il campo “Fusione comuni” da compilare “Se il Comune in cui si risiede e' stato istituito per fusione avvenuta nel corso del 2016 e se tale Comune ha deliberato aliquote dell’addizionale comunale all’Irpef differenziate per ciascuno dei territori dei Comuni estinti ...” indicando l’apposito codice identificativo del territorio riportato nella tabella “Elenco comuni istituiti per fusione nel corso del 2016 e che hanno adottato aliquote dell’addizionale comunale differenziate” presente in Appendice del Modello 730/2017.

 
Certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale
Si segnala che quest’anno le istruzioni ministeriali:
  1. al fine di agevolare la compilazione del modello, riportano in modo dettagliato i codici tributo che il sostituto d’imposta ha utilizzato nel modello F24 per il versamento delle ritenute e delle trattenute effettuate.
  2. obbligano a procedere anche alla indicazione dei compensi corrisposti ai soci di cooperative artigiane per i quali la legge n. 208 del 2015, ha previsto la loro inclusione tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.
 
Si possono individuare le seguenti ulteriori novita' relative alle parti “Dati fiscali” e “Dati Previdenziali ed Assistenziali”:
  1. Nella sezione “Assistenza fiscale 730/2016 dichiarante” si aggiungono i campi “Vedere istruzioni” (punto 53) e “Presenza 730/4 integrativo” (punto 54). Il primo campo e' da utilizzare nel caso in cui il credito indicato nel 730/2016 non sia stato rimborsato in sede di assistenza fiscale perche' le somme saranno corrisposte direttamente dall’Agenzia delle Entrate. In tal caso non dovra' essere compilato nessun punto della presente sezione. Il secondo campo e' da barrare in caso di 730/4 integrativo pervenuto al sostituto che ha prestato assistenza fiscale. Inoltre i campi relativi all’Imposta sostitutiva premi di produttivita', che l’anno scorso erano stati collocati in detta sezione, tornano ad essere collocati nell’apposita sezione “Somme erogate per premi di risultato”.
  2. Nella sezione “Altri Dati”, ai punti 468 e 469 riferiti ai “Redditi esenti”, viene contemplata l’indicazione dell’ammontare non imponibile (pari al 30% dell’importo erogato) dei redditi da lavoro dipendente prodotti in Italia da soggetti che trasferiscono la loro residenza nel nostro Paese cosi' come stabilito dall’articolo 16 del D.Lgs. n. 147 del 2015 (Regime speciale per i lavoratori rimpatriati).
  3. Si aggiunge la sezione “Somme erogate per premi di risultato” al fine di gestire le somme erogate ai lavoratori attraverso il bonus produttivita', consistente nell’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali del 10 per cento cosi' come previsto dalla legge di Stabilita' 2016, commi da 182 a 189. Il beneficio si estende inoltre alla partecipazione agli utili d’impresa da parte dei lavoratori e la possibilita', a richiesta dei lavoratori, di ricevere i premi sotto forma di benefit detassati.
  4. Nella sezione “Dati relativi al coniuge a ai familiari a carico” non e' piu' richiesta l’indicazione obbligatoria del codice fiscale del coniuge anche se non a carico. Infatti al riguardo le istruzioni ministeriali indicano quanto segue: “... Per permettere all’Agenzia delle Entrate di predisporre la dichiarazione precompilata in modo piu' accurato, i sostituti potranno inserire anche il codice fiscale, comunicato dai propri dipendenti, del coniuge anche se non fiscalmente a carico ...”.
  5. Si aggiunge la sezione “Rimborsi di beni e servizi non soggetti a tassazione” in cui vanno riepilogati i dati relativi ai rimborsi di determinati oneri, effettuati dal lavoro, in applicazione dell’art. 51, comma 2, lettere f-bis) e f-ter) del TUIR (ad esempio, spese di istruzione universitaria, spese per asili nido etc.).
  6. La sezione “Dati previdenziali”, in particolare la sezione 2 (fino all’anno scorso sezione 3), vede una riorganizzazione dei dati e l’inserimento di nuove informazioni a seguito dell’avvenuta incorporazione da parte dell’INPS di alcune gestioni. Mentre la sezione 3 (fino all’anno scorso sezione 2), contempla anche i compensi che, se pur esenti ai fini fiscali, hanno prodotto redditi per i quali sono dovuti i contributi alla suddetta gestione, quali ad es. i Dottoranti di ricerca o particolari figure come gli assistenti parlamentari.

 
Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
Da quest’anno, le istruzioni ministeriali:
  1. Riportano in modo dettagliato i codici tributo che il sostituto d’imposta ha utilizzato nel modello F24 per il versamento delle ritenute e delle trattenute effettuate.
  2. Chiariscono che nel caso in cui il sostituto d’imposta abbia erogato somme relative a redditi di lavoro autonomo a percipienti esteri privi di codice fiscale, i relativi dati devono essere indicati esclusivamente nel prospetto SY del modello 770/2017 nella sezione IV – riservata al percipiente estero privo di codice fiscale.
 
Si segnalano inoltre le seguenti ulteriori novita':
  1. La sezione “Dati fiscali” contempla l’indicazione delle somme corrisposte che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (30% dell’ammontare erogato), relative ai compensi percepiti dai soggetti che hanno avviato un’attivita' di lavoro autonomo o di impresa, in base a quanto stabilito dall’articolo 16 del D.lgs. n. 147 del 2015 (Regime speciale per i lavoratori rimpatriati). Per prevedere la nuova casistica al punto 6 “Codice” e' stato aggiunto il nuovo codice 5.
  2. Nella sezione “Dati previdenziali” non e' piu' richiesta l’indicazione del “Codice Ente previdenziale” eventualmente attribuito dall’Ente previdenziale. Si rimarca che i dati relativi ai contributi previdenziali versati riguardano, in particolare, i contribuenti che hanno percepito redditi derivanti da contratti di lavoro autonomo occasionale e contratti di associazione in partecipazione.
  3. Nella sezione “Somme liquidate a seguito di pignoramento presso terzi” si introduce il campo “Somme erogate non tassate” per l’indicazione delle somme erogate che non sono state assoggettate a ritenuta alla fonte. Inoltre le istruzioni chiariscono che nella ipotesi in cui “... il creditore pignoratizio sia una persona giuridica l’indicazione delle somme erogate deve essere riportata nel prospetto SY del modello 770/2017 nella sezione II – riservata al soggetto erogatore delle somme ...”.



Magix®: l'integrato per commercialisti
Magix
Magix® e' realizzato da Apogeo gruppo Zucchetti con tecnologia client-server ed e' dotato di un'interfaccia grafica windows semplice ed intuitiva e nu...
Servizio di assistenza all' invio telematico delle dichiarazioni
Entratel
L'invio telematico delle dichiarazioni fiscali necessita di un servizio di assistenza altamente specializzato e capace di risolvere efficacemente e celermente le numerose problematiche che scaturiscono dai controlli che ...
Gestionale 2® Zucchetti per le aziende
Gestionale2
E' il programma ideale per le aziende di piccole e medie dimensioni che devono gestire problematiche, anche complesse, relative a contabilita' generale ed analitica, gestione clienti e fornitori, magazzino, produzione, e...



INFO NORMA  è un servizio gratuito realizzato da Progetti Software Snc distributore autorizzato certificato Apogeo Srl gruppo Zucchetti
Sito ottimizzato con I.E.® 11.x e Google Chrome® 59.0 con ris. 1024x768. Sede legale: via Montecarlo, 1 - 90146 Palermo
Copyright© 2015 Progetti Software Snc. Tutti i diritti riservati. cod.fisc./p.iva/nr. iscr. Uff. Reg. Imprese Palermo 04397650823
Ultimo aggiornamento: 16-10-2017 Tel./Fax 091/6827799