Partner Zucchetti
Rivenditore Apogeo
ISA - Indici sintetici di affidabilita' 2019

parte 2: delega per l'acquisizione dei dati precalcolati

--- giugno 2019 ---

carattere piu' piccolocarattere piu' grandestampa l'articoloapri il pdf

leggi anche "ISA - Indici sintetici di affidabilita' 2019 - parte 1: regime premiale e dati precalcolati"

leggi anche "ISA - Indici sintetici di affidabilita' 2019 - approfondimenti"

Provvedimento del 10/05/2019 ed inquadramento generale
Con Provvedimento Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 10/05/2019 sono state tra l’altro fornite regole per l’accesso ai dati precalcolati definiti nell’allegato 3 del Provvedimento n. 23721/2019.

Tali dati sono messi a disposizione dall’Agenzia, la quale provvede a determinarli in base a quanto contenuto nelle dichiarazioni degli anni precedenti e in altre banche dati.

In pratica i Dati precalcolati sono variabili elaborate sulla base degli studi di settore e dei parametri presentati dal contribuente negli otto periodi di imposta precedenti a quello di applicazione e di altre fonti informative (anagrafe tributaria, Certificazione Unica, Registro locazioni immobiliari).

Come anticipato dall’Agenzia, i dati precalcolati costituiscono elementi obbligatori per l’esecuzione del calcolo degli ISA.

Ne consegue che gli stessi dovranno essere dapprima acquisiti e successivamente impostati nel modello ISA ai fini dell’esecuzione del calcolo

Le regole per l’accesso ai dati precalcolati sono definite dagli articoli 8 e 9 del Provvedimento 10/05/2019.

Nello specifico, gli ulteriori elementi (cioè i Dati precalcolati) sono acquisiti dal contribuente attraverso la consultazione del proprio Cassetto fiscale.

In alternativa all’accesso diretto, il contribuente può delegare l’operazione agli intermediari incaricati della trasmissione telematica.

Infatti è facoltà degli intermediari incaricati della trasmissione telematica, acquisire gli ulteriori dati accedendo al “Cassetto fiscale delegato”.

A tal fine:
  1. Gli intermediari già delegati alla consultazione del cassetto fiscale del contribuente, trasmettono all’Agenzia delle entrate, attraverso il servizio telematico Entratel, un file per comunicare i contribuenti per cui risultano delegati alla consultazione del relativo cassetto fiscale e per i quali richiedono l’accesso ai Dati precompilati ISA. In tale ipotesi non serve acquisire una nuova specifica delega ma viene richiesto «semplicemente» di inviare telematicamente all’AdE una comunicazione in cui l’intermediario delegato al Cassetto fiscale dichiara di poter accedere anche ai Dati precalcolati ISA del contribuente.
    Nel file telematico inviato, oltre alle varie informazioni richieste, è riportata l’indicazione con cui l’intermediario attesta di essere già in possesso della delega alla consultazione del cassetto fiscale del delegante. L’attivazione della fornitura dei dati precalcolati ISA è subordinata alla positiva verifica da parte dell’AdE, che la delega alla consultazione del cassetto fiscale dei deleganti sia attiva alla data di invio della richiesta.

  2. Gli intermediari che non sono in possesso di delega alla consultazione del cassetto fiscale del contribuente possono farsi conferire delega e trasmetterne telematicamente i dati secondo modalità analoghe a quelle già sperimentate per le deleghe alla consultazione del portale «Fatture e corrispettivi». A tal fine possono predisporre la delega e, dopo averla acquisita, unitamente a copia di un documento di identità in corso di validità del delegante, possono procedere all’invio telematico.

    Nel file telematico deve essere indicato il codice fiscale del soggetto richiedente e per ciascun delegante, i seguenti elementi:
    1. Codice fiscale del contribuente;
    2. Codice fiscale dell’eventuale rappresentante legale/negoziale, ovvero tutore del delegante;
    3. Numero e data della delega secondo le indicazioni legate alla tenuta del registro cronologico;
    4. Tipologia e numero del documento di identità del sottoscrittore della delega;
    5. Gli elementi di riscontro contenuti nella dichiarazione IVA 2018 - Periodo d’imposta 2017 o, in assenza, nel modello dei dati rilevanti ai fini della applicazione degli studi di settore 2018 (periodo d’imposta 2017), presentata dal delegante.

    Gli intermediari delegati conservano le deleghe acquisite, unitamente alle copie dei documenti di identità dei deleganti e individuano uno o più responsabili per la gestione delle suddette deleghe.
    Pertanto gli intermediari hanno l’obbligo di conservare nel rispetto delle normative vigenti in materia di privacy e di conservazione, le deleghe loro conferite, unitamente alle copie dei documenti di identità dei deleganti.

    Le deleghe acquisite sono numerate e annotate, giornalmente, in un apposito registro cronologico, con indicazione dei seguenti dati:
    1. Numero progressivo e data della delega;
    2. Codice fiscale e dati anagrafici/denominazione del contribuente delegante;
    3. Estremi del documento di identità del sottoscrittore della delega.

    Al riguardo si rendono applicabili alla delega Dati precompilati ISA le indicazioni a suo tempo fornite dall’Agenzia riguardo alle deleghe servizi FE, ed in particolare:
    1. Le deleghe devono essere numerate al fine di poterle differenziare tra loro con riferimento al singolo intermediario delegato. Il “Numero della delega” è definito dalla specifiche tecniche come elemento alfanumerico e deve essere riportato nel file telematico. Pertanto la numerazione rappresenta l’identificativo univoco che la delega assume con riferimento ad ogni intermediario delegato.
    2. Gli intermediari hanno l’obbligo di annotare giornalmente i moduli di delega ricevuti all’interno di un registro cronologico che “... risponde alla finalità di garantire che la delega sia stata acquisita dall’intermediario prima della sua richiesta di attivazione telematica. Il registro può essere tenuto con qualsiasi modalità anche in formato elettronico ... e richiede la compilazione dei campi previsti dal Provvedimento ...”.

leggi anche "ISA - Indici sintetici di affidabilita' 2019 - parte 1: regime premiale e dati precalcolati"

leggi anche "ISA - Indici sintetici di affidabilita' 2019 - approfondimenti"



Magix®: l'integrato per commercialisti
Magix
Magix® e' realizzato da Apogeo gruppo Zucchetti con tecnologia client-server ed e' dotato di un'interfaccia grafica windows semplice ed intuitiva e nu...
Servizio di assistenza all' invio telematico delle dichiarazioni
Entratel
L'invio telematico delle dichiarazioni fiscali necessita di un servizio di assistenza altamente specializzato e capace di risolvere efficacemente e celermente le numerose problematiche che scaturiscono dai controlli che ...
Gestionale 2® Zucchetti per le aziende
Gestionale2
E' il programma ideale per le aziende di piccole e medie dimensioni che devono gestire problematiche, anche complesse, relative a contabilita' generale ed analitica, gestione clienti e fornitori, magazzino, produzione, e...



INFO NORMA  è un servizio gratuito realizzato da Progetti Software Snc distributore autorizzato certificato Apogeo Srl gruppo Zucchetti
Sito ottimizzato con I.E.® 11.x e Google Chrome® 59.0 con ris. 1024x768. Sede legale: via Montecarlo, 1 - 90146 Palermo
Copyright© 2015 Progetti Software Snc. Tutti i diritti riservati. cod.fisc./p.iva/nr. iscr. Uff. Reg. Imprese Palermo 04397650823
Ultimo aggiornamento: 16-10-2017 Tel./Fax 091/6827799